TENNIS

 

 
  Nuovo centro sportivo
 

Info e prenotazioni

  Consigli della FIT
Protocollo acceso ai campi
  C'è luce in fondo al tunnel
 
 
   
   
   

 

DLF Ancona

C’È LUCE IN FONDO AL TUNNEL

di Roberto Bregoli

Il progressivo miglioramento dei dati relativi alla pandemia, ha consentito nel mese di maggio la possibilità per i centri sportivi di poter riprendere ad effettuare sport di contatto. Questa nuova situazione, ci ha consentito al CAMPUS D.L.F., di riprendere l'attività del calcetto seppur con alcune limitazioni. Dopo un periodo di tristezza assoluta dove il centro era praticamente vuoto, credevamo che la ripresa, sempre che ci fosse stata, sarebbe stata lunga e incerta. Con nostra grande sorpresa, invece, abbiamo constatato che fin da subito, i nostri collaboratori sono stati presi d'assalto da continue prenotazioni, ed il centro si è subito ripopolato di tanti giovani che proprio non vedevano l'ora di riprendere a socializzare tra loro attraverso lo sport. Rimangono sempre attive le procedure di prevenzione all'ingresso, (registrazione e rilevazione della temperatura), è sempre obbligatorio l'uso della mascherina al di fuori dei campi da gioco, non possiamo consegnare le casacche e soprattutto è inibito l'uso delle docce. Sento il dovere di ringraziare i nostri collaboratori William, Stefano, Antonio, Silvia e Andrea per aver gestito al meglio una situazione non facile. Per tornare alla quasi normalità bisognerà attendere la terza settimana di giugno quando presumibilmente entreremo in zona bianca. Il CAMPUS è tornato a popolarsi di giovani e di bambini e devo dire che rallegra il cuore, nelle ore pomeridiane, vedere tutta questa gioventù praticare lo sport; porta tanta felicità ed è premessa di continuità. Consentitemi per un momento una divagazione su questo argomento. Vorrei sfatare il luogo comune che vuole che le nuove generazioni siano peggiori delle nostre, in questa occasione voglio riconoscere ai nostri giovani, la maturità, la comprensione e la dignità con cui hanno affrontato due anni della loro breve vita nei quali sono stati privati del diritto di godere della loro spensieratezza, senza scuola, senza amici, senza sport, senza divertimenti senza neanche la possibilità di uscire di casa. Voglio dare loro atto di aver affrontato questa situazione senza precedenti con tanto spirito di sacrificio. Non so quanti della mia generazione, io per primo, ci sarebbe riuscito. Scusate se mi sono dilungato un po’ ma volevo aggiornarvi sulla situazione del CAMPUS, che quindi come dicevo ha ripreso vita. Finalmente dopo tanti mesi bui, C'E'LUCE IN FONDO AL TUNNEL!!